Polo scolastico Vignola con Arch. Claudio Lucchin, Anno 2008

Polo scolastico Vignola con Arch. Claudio Lucchin, Anno 2008

La relazione tra il nuovo complesso architettonico ed il contesto viene adottato come vero e proprio principio generatore del progetto. Un’architettura che mossa dal desiderio di effettuare la minima pressione visiva sullo scenario circostante si rende poco visibile cercando un’osmosi con il luogo, simulandone l’appartenenza attraverso un artificio, la creazione di una piccola “collina” erosa dove restano impresse le tracce del laborioso processo di sottrazione, attraverso la chiarissima tensione dinamica della spaccatura centrale.

L’operazione compositiva consiste nel ricavare vuoti attivi - informali in grado di modellare la materia in un processo di sottrazione spaziale, un pieno e un vuoto in reciproca tensione, che danno vita all’intero organismo e ne definiscono l’uno l’estensione dell’altro. In tal senso l’atto di rendere ipogea l’architettura permette la formazione di piani in superficie disponibili a diventare giardini, una sorta di giardino peripatetico di aristotelica memoria.

Torna su
Cookie

Questo sito web utilizza cookie di terze parti

X
Questo sito utilizza cookie tecnici anonimi per garantire la navigazione e cookie di terze parti per monitorare il traffico e per offrire servizi aggiuntivi come ad esempio la visualizzazione di video o di sistemi di messaggistica. Senza i cookie di terze parti alcune pagine potrebbero non funzionare correttamente. I cookie di terze parti possono tracciare la tua attività e verranno installati solamente cliccando sul pulsante "Accetta tutti i cookie". Puoi cambiare idea in ogni momento cliccando sul link "Cookie" presente in ogni pagina in basso a sinistra. Cliccando su uno dei due pulsanti dichiari di aver preso visione dell'informativa sulla privacy e di accettarne le condizioni.
MAGGIORI INFORMAZIONI